top of page

Che stagione sei in armocromia?

Ciao, sono Debora! Consulente d'immagine esperta in analisi del colore e collaboratrice di Michela.


Quante volte ti sei chiesta: "Chissà che stagione sono!?"


Parlare di analisi cromatica, o armocromia, oggi va molto di moda. Il web è pieno di informazioni, anche troppe, alcune spesso poco chiare.


Esistono centinaia di consulenti d'immagine e scommetto che conosci almeno una persona che ha già fatto una seduta di armocromia e si è portata a casa fiera la sua palette.


Ma se ancora non sai la tua stagione?

O se addirittura non sei convinta dell'analisi che ti hanno già fatto?

Come fai a sapere a quale stagione cromatica appartieni?


Leggendo questo articolo scoprirai alcuni dettagli che potrebbero sorprenderti!


Cos’è l’armocromia?


Partiamo prima dalle basi. L’armocromia è una disciplina che studia l'armonia tra i colori e le persone. Ha l’obiettivo di individuare i colori nell’abbigliamento e nel make-up che più ti valorizzano.


Ogni persona ha precise caratteristiche cromatiche che vengono analizzate con cura durante l’analisi del colore attraverso appositi drappi colorati posizionati sotto al viso.


Quali sono le caratteristiche che si studiano durante l'analisi del colore?


Il sottotono, la luminosità, l’intensità e il contrasto.


Scopriamo cosa sono!


Sottotono



Il sottotono è semplicemente la temperatura della pelle, che spesso non si vede ad occhio nudo, ed è dato da una combinazione di 3 elementi:

  • Emoglobina

  • Carotene

  • Melanina

Il sottotono non cambia mai, né con l’abbronzatura né con l’età o con qualsiasi altro fattore esterno. Può essere freddo, neutro-freddo, caldo o neutro-caldo.


Attenzione a non confonderlo con il sovratono, ovvero la parte esterna della pelle, chiamata anche fototipo.


Il sovratono è indipendente dal sottotono e può essere olivastro, beige, rosato, pescato, ambrato, ecc. Questo infatti può cambiare nel corso del tempo ed è influenzato da vari fattori esterni (dieta, attività fisica, gravidanza, fumo).


Ovviamente l'abilità del consulente sarà nel distinguere la colorazione del tuo sottotono da quella del tuo sovratono!


E ora viene il bello.


Probabilmente, se ti interessa questo argomento, avrai già letto decine e decine di articoli che spiegano come capire il proprio sottotono attraverso le vene del polso (teoria nata prima del 1980, pensa un po'), l'abbronzatura, la sclera dell'occhio, il colore delle labbra e altre leggende poco attendibili!


La realtà è che, l'unico modo per comprenderlo, è attraverso un'attenta valutazione oggettiva.


Ma indovina un po'? È estremamente difficile essere oggettivi con sé stessi, ecco perché ci si affida a un/a professionista!


E se temi che la tua consulente di riferimento abbia sbagliato in pieno? Come si dice anche in ambito medico: chiedi un secondo parere! Purtroppo a causa di metodi antiquati o poca esperienza potrebbe succedere che una consulente sbagli la sua valutazione.


Non ti abbattere: non è l'armocromia che non funziona!


In ogni caso, ti propongo un gioco per cercare di scoprirlo da sola: prendi una maglietta arancione e una fucsia, una verde oliva e una blu, una marrone e una grigia, una crema e una rosa confetto, una giallo senape e una bianca. Fatto?


Ora, in ordine di menzione, confronta il primo colore con il secondo per tutte le coppie davanti a 3/4 amiche e prova a sentire le loro opinioni! Attenzione però: la tua opinione vale due punti!


Se hanno vinto i primi il tuo sottotono è caldo, se hanno vinto i secondi il tuo sottotono è freddo.


Luminosità



Il valore cromatico o luminosità ci indica se un colore è più o meno chiaro. Questo parametro può riguardare la tonalità della pelle, il colore degli occhi e dei capelli.


Come saprai, un colore è chiaro quando ha dentro del bianco e, al contrario, è scuro quando ha dentro del nero.


Lo stesso accade su di te. Prova guardarti allo specchio e confronta l'immagine in alto: sei più simile alla prima, alla seconda o alla terza? In base alla risposta che ti darai, sarà facile comprendere la tua luminosità e, di conseguenza, i colori che ti valorizzano.


Ricorda: l'armocromia funziona per ripetizione. Se i tuoi colori sono chiari ti staranno meglio colori chiari, se sono caldi ti doneranno meglio quelli caldi, se sono soft preferirai i colori soft e così via.




Intensità



L'intensità, o saturazione, rappresenta il grado di purezza del colore.


Più un colore è puro, più sarà brillante. Se a questo colore puro aggiungiamo del grigio otterremo invece un colore soft.


Per esempio, il rosso è un colore a intensità alta e quindi brillante, mentre il rosa polvere è un colore a bassa intensità.


Ora la domanda è: e tu? Reggi meglio colori brillanti o colori soft? Oppure una via di mezzo?


Questo dipende solo e unicamente dalla sua saturazione! Non dal sottotono e non dalla luminosità.


Infatti, potresti essere: chiara e brillante, scura e soft, calda e brillante, fredda e soft e così via.


Facciamo degli esempi.


Megan Fox ha dei colori purissimi e un'intensità alta, di conseguenza porta molto bene colori puri come rosso, nero e bianco.


Lily Collins invece presenta dei colori medio-scuri ma non molto brillanti e per questo motivo è valorizzata da tonalità mediamente intense che contengono un po' di grigio, come marrone scuro, blu scuro e prugna.


Infine, Rihanna ha dei colori molto soffusi, un'intensità bassa ed è valorizzata da tonalità polverose come grigio e rosa polvere.


Anche qui ti svelo un trucchetto per scoprire da sola se la tua intensità e alta o bassa. Apri il tuo armadio e tira fuori i 3 colori che ami di più indossare ad esclusione del nero. Quali sono?


Tra i colori ad alta intensità ci potrebbero essere: blu, rosso, arancione, verde smeraldo, bianco ottico e fucsia.


Tra i colori a bassa intensità ci potrebbero essere: grigio, azzurro, rosa, verde salvia, cammello, beige, terracotta e lilla.


Tutti gli altri sono a media intensità.


Generalmente, i colori che amiamo indossare sono quelli che rispecchiano la nostra intensità!


Contrasto



Il contrasto è la distanza tra i colori, mi piace definirlo così! Se, per esempio, accostiamo il nero al bianco il contrasto sarà alto. Al contrario, se accostiamo un panna a un grigio, il contrasto sarà basso.


Come capire il tuo contrasto? Semplice! Va di pari passo con la tua intensità: se hai un'intensità alta avrai dei contrasti alti, se è media saranno medi e se è bassa saranno bassi!


Durante l'analisi andremo ad esaminare, tra le altre cose, il rapporto ed eventualmente la distanza che c’è tra i colori di occhi, pelle e capelli.


Se hai capelli scurissimi con pelle diafana e occhi chiari, il tuo contrasto sarà molto alto come quello di Megan Fox!


Se invece i tuoi colori si amalgamano e sono molto simili tra loro, probabilmente avrai un contrasto basso (ma non è sempre detto, tutto dipende dalla tua intensità!)


In base ai tuoi contrasti potrai capire come abbinare al meglio i colori su di te!



Conclusioni


Scoprire da sola la tua stagione non è semplice ma ti svelo un segreto... non è impossibile!


Ricapitoliamo e tiriamo le somme:

  • Se hai il sottotono completamente caldo potresti appartenere alle stagioni: Primavera Calda e Autunno Caldo.

  • Se hai il sottotono completamente freddo potresti appartenere alle stagioni: Inverno Freddo ed Estate Fredda.

  • Se hai il sottotono neutro-freddo potresti appartenere alle stagioni: Inverno ed Estate ad esclusione di Estate Fredda e Inverno Freddo.

  • Se hai il sottotono neutro-caldo potresti appartenere alle stagioni: Primavera ed Autunno ad esclusione di Primavera Calda e Autunno Caldo.

  • Se hai una luminosità alta potresti appartenere alle stagioni: Estate Soft Chiara, Primavera Chiara, Primavera Chiara Soft, Autunno Soft Chiaro.

  • Se hai una luminosità bassa potresti appartenere alle stagioni: Inverno Profondo, Inverno Profondo Soft, Estate Soft Profonda, Inverno Freddo e Autunno Profondo.

  • Se hai una luminosità media potresti appartenere alle stagioni: Primavera Brillante, Inverno Brillante, Primavera Calda, Estate Fredda, Autunno Soft Profondo, Autunno Caldo.

  • Se hai un'intensità alta potresti appartenere alle stagioni: Primavera Brillante, Primavera Calda, Autunno Profondo, Inverno Profondo, Inverno Freddo e Inverno Brillante.

  • Se hai un'intensità media potresti appartenere alle stagioni: Primavera Chiara, Estate Chiara, Estate Fredda, Autunno Caldo e Inverno Profondo Soft.

  • Se hai un'intensità bassa potresti appartenere alle stagioni: Primavera Chiara Soft, Estate Soft Chiara, Estate Soft Profonda, Autunno Soft Chiaro, Autunno Soft Profondo.

Secondo te qual è la tua stagione? Scrivilo nei commenti!


Il modo in cui la pelle reagisce ai colori è determinante per stabilire con correttezza la tua stagione cromatica, ecco perché ti consiglio di affidarti a una professionista!

Se leggendo questo articolo ti sei fatta un'idea di quella che potrebbe essere la tua stagione, ora è arrivato il momento di scoprirla davvero!


Prenota con me la tua analisi del colore cliccando qui.



4.780 visualizzazioni0 commenti

コメント


bottom of page