Che stagione sei in armocromia?

Ciao, sono Debora! Consulente d'immagine esperta in analisi del colore e collaboratrice di Michela.


Quante volte ti sei chiesta: "Chissà che stagione sono!?"


Parlare di analisi cromatica, o armocromia, oggi va molto di moda. Il web è pieno di informazioni, anche troppe, alcune spesso poco chiare.


Esistono centinaia di consulenti d'immagine e scommetto che conosci almeno una persona che ha già fatto una seduta di armocromia e si è portata a casa fiera la sua palette.


Ma se ancora non sai la tua stagione?

O se addirittura non sei convinta dell'analisi che ti hanno già fatto?

Come fai a sapere a quale stagione cromatica appartieni?


Leggendo questo articolo scoprirai alcuni dettagli che potrebbero sorprenderti!


Cos’è l’armocromia?


Partiamo prima dalle basi. L’armocromia è una disciplina che studia l'armonia tra i colori e le persone. Ha l’obiettivo di individuare i colori nell’abbigliamento e nel make-up che più ti valorizzano.


Ogni persona ha precise caratteristiche cromatiche che vengono analizzate con cura durante l’analisi del colore attraverso appositi drappi colorati posizionati sotto al viso.


Quali sono le caratteristiche che si studiano durante l'analisi del colore?


Il sottotono, la luminosità, l’intensità e il contrasto.


Scopriamo cosa sono!


Sottotono



Il sottotono è semplicemente la temperatura della pelle, che spesso non si vede ad occhio nudo, ed è dato da una combinazione di 3 elementi:

  • Emoglobina

  • Carotene

  • Melanina

Il sottotono non cambia mai, né con l’abbronzatura né con l’età o con qualsiasi altro fattore esterno. Può essere freddo, neutro-freddo, caldo o neutro-caldo.


Attenzione a non confonderlo con il sovratono, ovvero la parte esterna della pelle, chiamata anche fototipo.


Il sovratono è indipendente dal sottotono e può essere olivastro, beige, rosato, pescato, ambrato, ecc. Questo infatti può cambiare nel corso del tempo ed è influenzato da vari fattori esterni (dieta, attività fisica, gravidanza, fumo).


Ovviamente l'abilità del consulente sarà nel distinguere la colorazione del tuo sottotono da quella del tuo sovratono!


E ora viene il bello.


Probabilmente, se ti interessa questo argomento, avrai già letto decine e decine di articoli che spiegano come capire il proprio sottotono attraverso le vene del polso (teoria nata prima del 1980, pensa un po'), l'abbronzatura, la sclera dell'occhio, il colore delle labbra e altre leggende poco attendibili!


La realtà è che, l'unico modo per comprenderlo, è attraverso un'attenta valutazione oggettiva.


Ma indovina un po'? È estremamente difficile essere oggettivi con sé stessi, ecco perché ci si affida a un/a professionista!


E se temi che la tua consulente di riferimento abbia sbagliato in pieno? Come si dice anche in ambito medico: chiedi un secondo parere! Purtroppo a causa di metodi antiquati o poca esperienza potrebbe succedere che una consulente sbagli la sua valutazione.


Non ti abbattere: non è l'armocromia che non funziona!


In ogni caso, ti propongo un gioco per cercare di scoprirlo da sola: prendi una maglietta arancione e una fucsia, una verde oliva e una blu, una marrone e una grigia, una crema e una rosa confetto, una giallo senape e una bianca. Fatto?


Ora, in ordine di menzione, confronta il primo colore con il secondo per tutte le coppie davanti a 3/4 amiche e prova a sentire le loro opinioni! Attenzione però: la tua opinione vale due punti!


Se hanno vinto i primi il tuo sottotono è caldo, se hanno vinto i secondi il tuo sottotono è freddo.


Luminosità



Il valore cromatico o luminosità ci indica se un colore è più o meno chiaro. Questo parametro può riguardare la tonalità della pelle, il colore degli occhi e dei capelli.


Come saprai, un colore è chiaro quando ha dentro del bianco e, al contrario, è scuro quando ha dentro del nero.


Lo stesso accade su di te. Prova guardarti allo specchio e confronta l'immagine in alto: sei più simile alla prima, alla seconda o alla terza? In base alla risposta che ti darai, sarà facile comprendere la tua luminosità e, di conseguenza, i colori che ti valorizzano.


Ricorda: l'armocromia funziona per ripetizione. Se i tuoi colori sono chiari ti staranno meglio colori chiari, se sono caldi ti doneranno meglio quelli caldi, se sono soft preferirai i colori soft e così via.




Intensità