TEST KIBBE: SCOPRI LA TUA ESSENZA DI STILE



Come abbiamo visto nei post precedenti, David Kibbe elaborò un test in grado di farci comprendere il nostro archetipo dello stile. Scopriamo quindi come rispondere correttamente alle domande per avere un risultato quanto più accurato possibile.


Attenzione però.


Se il test fosse semplice o completo in tutte le sue parti, il mio lavoro di consulente d’immagine sarebbe inutile. Ci sono voluti mesi di studio e centinaia di esercitazioni per comprendere fino in fondo questo metodo.


Ancora oggi, nonostante la mia esperienza, impiego circa 4 ore per realizzare un’analisi accurata e un report personalizzato per ogni mia cliente.


Quindi questo test è inutile?


Assolutamente no! Pensa che lo uso come base di partenza per tutte le mie analisi.


Può aiutarti a capire qual è la tua essenza principale e quali dei consigli o ispirazioni che ogni giorno condivido sul mio profilo instagram, fanno proprio al caso tuo.


Immagina il momento in cui sarai pienamente consapevole del tuo stile e di ciò che ti sta bene:


Niente più ore passate nei negozi senza sapere cosa comprare, niente più vestiti portati a casa e mai indossati, niente più indecisione davanti all'armadio, perché ogni capo che avrai sarà perfetto per te!


Quindi, sei pronta? INIZIAMO!


LE BASI DEL TEST


Se ancora non conosci il metodo Kibbe ti consiglio di leggere questo articolo in cui lo presento.


Riassumendo, in base alle percentuali di linee Yin e Yang del nostro corpo, cioè morbide o dure, David Kibbe individua 13 archetipi dello stile, ovvero 13 tipologie di corpo che sono naturalmente valorizzate da un preciso stile.


Queste 13 tipologie si dividono in 5 essenze di stile principali e 8 loro combinazioni.


Delle 5 essenze principali ti parlo in modo approfondito in questo articolo.


COME PREPARARSI


Per prima cosa ci serve il nostro Test! Puoi scaricarlo da qui.


Ora devi scattarti una foto. Ecco come farla:


Mettiti in costume o intimo, così da avere una visuale completa del tuo corpo.

Avvicinati al muro, spalle dritte e testa alta.


Assicurati che la fotocamera sia all’altezza del tuo petto, così eviterai distorsioni dell’immagine che potrebbero falsare i risultati. La foto deve comprendere testa e piedi (scalzi).


No, non puoi usare un selfie. Attenzione anche agli specchi, potrebbero causare effetti ottici strani, soprattutto se inclinati.


Se hai la foto, prendi carta e penna perché possiamo iniziare!


IL TEST


Le risposte al test sono divise secondo le due caratteristiche principali, Yin e Yang. Di base, A e B stanno per una dominanza Yang, D ed E per una dominanza Yin.


Le risposte C sono la via di mezzo. Quindi se non rientri in nessuno dei due gruppi, scegli la C.


Il test è strutturato in 3 parti.


PARTE 1: LA STRUTTURA OSSEA


La struttura ossea, o scheletro, è la parte "invisibile" del nostro corpo.

Da adulti non è collegata al peso. Questo vuol dire che anche una persona in sovrappeso potrebbe avere una struttura ossea più esile e delicata o, al contrario, che una persona magra potrebbe avere una struttura ossea robusta.


Anche dopo significative variazioni di peso la struttura ossea di ogni individuo rimane la stessa.


Esistono principalmente 4 tipi di costituzione corporea:

  1. Delicata (Gamine, Ingenue, Romantic)

  2. Media (Classic)

  3. Robusta (Natural)

  4. Robusta allungata (Dramatic, Ethereal)


Come si valuta la struttura ossea? Osservando i seguenti aspetti:

  • linea delle spalle

  • grandezza di mani e piedi (e quindi di polsi e caviglie)

  • grandezza della testa

  • lunghezza degli arti


Questa valutazione è diversa rispetto a quella del calcolo della costituzione corporea scientifica. In questo caso quello che conta non sono i diametri scheletrici (es. quanto misura la circonferenza del polso) ma più che altro le proporzioni visibili del corpo stesso.


Allo stesso modo, quando si parla di linea verticale, non si intende la tua altezza.


La linea verticale indica l'altezza in relazione alle proporzioni orizzontali. In altre parole: non conta quanto una persona è realmente alta, ma quanto sembra alta.


Due persone possono essere alte uguali ma una può sembrare più alta dell'altra (viste individualmente). Ad esempio, come puoi notare dalla foto qua sotto, Beyoncé sembra più bassa di Marion Cotillard, eppure hanno la stessa altezza ovvero 1,69 m.


Test Kibbe Beyoncé Marion Cotillard


Lo stesso discorso vale per la lunghezza degli arti. Ciò che conta non è la lunghezza in cm, ma come appaiono in relazione al resto del corpo.


Per una corretta valutazione, le braccia devono essere rilassate e perpendicolari al corpo, con le dita della mano aperte. Osserva fin dove arrivano le dita, se ai fianchi, alla coscia oppure oltre metà coscia (rispettivamente struttura ossea minuta, moderata o allungata).


PARTE 2: LA MASSA CORPOREA